Profilo di Gianluca Bonazzi

Camminando per luoghi e arti semina, raccoglie e fa lievitare storie e relazioni. La Via Francigena e del Po, le Valli Ceno e Taro, in generale l' Italia di provincia, l' Associazione La Boscaglia e il Museo Bosco delle Cose di Ettore Guatelli stanno nel suo giardino di affetti e di creazioni. Nel 2008 ha pubblicato un taccuino dal titolo "PENSIERI VIANDANTI". Ha partecipato a tutto il Camminamare 2009, scrivendo un taccuino di acrostici legati a temi chiave del percorso. Nel prossimo cammino porterà vari spunti di riflessione sull' Italia del 'Boom'. Pensa che ogni trasformazione sia tanto più devastante quanto più poggia sul terreno flaccido della memoria inesistente. Sostiene che bisogna prima raggiungere la consapevolezza di sè stessi per poter decidere dove si vuole poi andare. Inneggia al ritorno del tempo dell' anima, fondamentale pietra angolare del legame paesaggio - economia.

Articoli

Il cinema western e il valore del paesaggio

Amo il cinema di molti generi e autori, ma quello che considero il genere ‘ponte’ tra l’ idea del passato e del futuro, che mi ha insegnato a sentire il valore del paesaggio e delle storie umane, è il cinema western […]

Inno al fiocco di neve perduto

La neve di questi ultimi giorni svela ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, tutta la nostra insipienza mentale. Sdrucciola sulla neve lucida il passo affrettato dell’ umanità moderna.
“Ohibò, chi mi rallenta? Un mendicante, forse? Ah, nooo..è la neve.. […]