Tappa 07 - Da Amelia ad Acquasparta

L'aria è frizzante e tersa dopo la pioggia e non pesa la salita sino a Sambucetole, tra la campagna appena sveglia e la fitta lecceta.

Le prime due ore di cammino ci dispongono alla seconda colazione ai tavolinetti del bar-alimentari di Sambucetole.

Al bar ci hanno riconosciuti: 'ma voi siete quelli che vanno tutti gli anni da Roma ad Assisi? Un trattorista ci chiede per dove passiamo, è certo che solo due o tre cacciatori oltre a lui conoscano la nostra via. Il barista mi conferma che pochi giorni fa è passato un altro pellegrino diretto ad Assisi. Le prime copie iniziano a circolare?

Ieri ero troppo bagnato e depresso per accorgermene ma siamo ormai in Umbria: finita l'immondizia per terra, la gente scambia quattro chiacchiere appena glie ne dai l'estro, anche qui sguardi stupiti, ma senza commenti... La mia terra, ormai, così diversa dalla mia Heimat sudtirolese e pure così amata e percorsa.
 
In fondo all'orizzonte, la Scala dei Martani, come mi piace chiamarla, ci attende.
Ci attende ma non prima dell'incontro rigenerante con doccia, bucato, cena e letto da un vecchio amico del Cammino, Marcello, nel suo ostello, ad Acquasparta...