"Passo dopo Passo" - Da Borgo San Dalmazzo ad Auschwitz

Un viaggio  per recuperare un senso tra passato, presente e futuro. Un viaggio fatto di strada, di relazioni concrete e di rapporti umani vitali, percorrendo le tappe della deportazione, fermandosi, incontrando i giovani. Un viaggio che cerca di ridare significato al “Tempo estorto all’Uomo” attraverso un percorso in cui la lentezza e la relazione diventano valori fondanti.

Nell'inverno del 1943 un convoglio ferroviario partì da Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo, verso Auschwitz, trasportando un gruppo di Ebrei che non fecero più ritorno dal campo. Nell'inverno del 2011 un gruppo di CamminAttori della compagnia teatrale "Il Melarancio" ripercorrerà il viaggio del treno dei deportati, ma lo farà a piedi, in un viaggio di 1913 chilometri che verrà percorso in 76 giorni, attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia. Il viaggio terminerà il 1° maggio 2011, Yom Ha Shoah, giorno della memoria in Israele.

Il gruppo che affronterà il viaggio è composto complessivamente da nove persone: due attori e un musicista faranno l’intero percorso a piedi; seguono il gruppo a piedi un fotografo, un video maker, un addetto stampa.

Ogni tappa verrà dedicata a un deportato e ai suoi discendenti, ricordando la storia della gente nella Shoah, ma anche il ritorno alla vita.

Come atto simbolico che guarda al futuro, i camminatori di “Passo dopo passo” trasporteranno un albero di betulla da piantare all’arrivo ad Auschwitz, e altre piantine saranno consegnate lungo il percorso, laddove si troverà qualcuno disposto a prendersene cura e a rendere tangibile la memoria del viaggio alla vita.

 

<< Guarda la posizione dei camminatori sulla mappa in tempo reale >>