Autore
RiccardoCarnovalini RiccardoCarnovalini
Organizzazione
CamminAmare
Sito Web
Visita il sito web

Profilo di Riccardo Carnovalini

Riccardo Carnovalini, nato a La Spezia nel 1957, cammina e racconta il territorio con fotografie e parole da oltre 30 anni. Ha attraversato l’Italia e l’Europa a piedi in lungo e in largo: due volte tutto l'Appennino, tre volte le Alpi da un capo all’altro, la risalita dei principali fiumi, 4.000 km camminando sulle coste da Trieste a Ventimiglia (CamminAmare) e poi Milano-Roma a basse quote, le Prealpi dalla Valsesia all’Istria, il periplo della costa sarda e della Sicilia, il Camminaitalia. L'Europa da Trieste alla Danimarca alla caduta del muro di Berlino, il TransAlpedes da Vienna a Nizza, la Scandinavia per 3.500 chilometri. E’ presidente dell’Associazione CamminAmare e, dalla nascita negli anni Ottanta, dell'Associazione Sentiero Italia. E’ autore di testi e foto di una decina di libri per editori diversi: Touring, De Agostini, Mediterranee, Terre di Mezzo, Guida, Giorgio Mondadori, Cda. Ha pubblicato alcune centinaia di reportage dei suoi viaggi su riviste italiane e straniere, a cominciare da Airone, Atlante, Epoca, Europeo, Tours. Ha collaborato per la RAI, conducendo trasmissioni di Radio Uno e intervenendo come esperto di viaggi a piedi in programmi delle tre reti televisive. Il suo archivio ha 150 mila fotografie sul paesaggio italiano (www.paesaggioitaliano.it) e rappresenta un punto di riferimento per diverse case editrici.

Articoli

A piedi nudi sulla sabbia

Ventisette anni fa, l’8 febbraio 1985, inizia da San Bartolomeo di Muggia l’avventura a piedi lungo l’intero sviluppo delle coste peninsulari italiane. Quattromila chilometri, dalla Jugoslavia alla Francia […]

Il CamminAmare

Bell’Italia, amate sponde – pur vi torno a riveder Trema il cuore e si confonde – l’alma oppressa dal piacer “ (Metastasio).
L’8 febbraio 1985 la partenza in una brutta giornata d’inverno al confine tra l’Italia e la Jugoslavia […]

Da Maubourguet a Col Du Somport

Pochi chilometri dopo Maubourguet lasciamo il GR 653 per seguire il GR 101, il Chemin de l’Ouest de Bigorre. La segnaletica non cambia ma non ci sono più i percorritori a piedi. […]

Da Lodeve a Castres

Sul GR 653 continuiamo il nostro cammino verso ovest, sostando a Lunas, Saint Gervais sur Mare, Murat sur Vebre, la Salvetat sur Agout e Anglès. Non siamo più soli. Da giorni camminano con noi sul GR alcuni francesi, una coppia di svizzeri […]

Da Arles a Lodeve

Ad Arles inizia il GR 653: segnavia biancorossi, conchiglie gialle, frecce su appositi supporti a indicare il Chemin d’Arles, uno dei rami per Compostela.
Scegliamo di andare a St. Gilles su una variante del 653 che corre sugli argini del Piccolo Rodano. E poi infrangiamo il divieto di passaggio sul ponte della ferrovia dismessa alle porte di St. Gilles […]

Da Aix en Provence ad Arles

Tre tappe da Aix en Provence ad Arles per ritrovarci su un percorso ufficialmente acquisito dalla FFRP- Fédération Française de la Randonnée Pédestre. Se prima di Aix avevamo colto i primi segni sul terrenodel progetto di collegamento fra Menton e Arles, qui i lavori sono più avanti e sono realmente in corso. […]

Da Le Muy a Aix en Provence

Sono sempre più presenti le conchiglie che accompagnano il nostro cammino. Per lunghi tratti sono impeccabili, ma poi improvvisamente scompaiono. A chi cammina guidato dalla segnaletica basta un bivio senza indicazione per vanificare tutto quel che c’è prima e quel che ci sarà dopo. […]

Dai balzi rossi a Le Muy

Entriamo in Francia percorrendo il litorale fino a Mentone e a Carnoles. Come lasciamo la costa e iniziamo a salire verso Roquebrune ecco, puntuali, i segnavia bianco-rossi del GR 51. Andremo tranquilli per un giorno e mezzo, fino a Gattieres. […]

Il Cammino di Marcella e la Via della Costa

A Loano, domenica 13 marzo, mi sono unito al Cammino di Marcella con l’obiettivo di non abbandonarlo più fino al termine, sui Pirenei, al Col du Sumport. L’arrivo sarà il 9 di maggio e da qui ad allora non avrò il tempo di inviare le mie consuete storie dei cammini passati. […]

Le Alpi a piedi

Torno a un passato remoto con un cammino per me memorabile. E certamente indimenticabile anche per Cristina, che con me ha condiviso questo e tanti altri viaggi a tre chilometri all’ora. 1.950 chilometri per andare dal Colle di Cadibona, o Bocchetta di Altare, alle spalle di Savona, fino al passo di Vrata, sopra Fiume, nell’allora Jugoslavia […]

Il viaggio fino a destino

Gli impegni della vita ci offrono occasioni per fare un viaggio lento anche laddove non pare proprio possibile. Venerdì 12 novembre vado in provincia di Siena per un evento all’Abbazia di Spineto legato al mio mondo dei viaggi a piedi. Decido di andarci in treno, senza servirmi dei treni veloci e costosi. Viaggio rigorosamente sui regionali […]

Il Rio Bovina seguendo le capre

Dai grandi fiumi a un piccolo rio sotto casa con un salto temporale di vent’anni. Non sempre i cammini sono cercati e voluti. Può capitare di vivere in campagna e di scegliere di allevare uno degli animali più discoli che ci siano. E può capitare che un piccolo branco di capre camosciate decida di non stare alle regole […]

L'Arno a piedi

Un Natale così non si dimentica più. Dopo 10 giorni di cammino da Marina di Pisa la salita finale da Stia alla sorgente di Capo d’Arno, a 1.358 metri, è una salita bianca di neve e colma di silenzio. […]

Il Piave a piedi

Dieci giorni di cammino, 225 chilometri interamente in territorio Veneto, dalle rive dell’Adriatico ai 2.000 metri delle pendici del Monte Peralba.  Ancora passato remoto: il 1982, l’anno che dedicai ai fiumi italiani. “Fiume Sacro alla Patria” per i combattimenti […]

Dal Po al Monte Bianco lungo la Dora Baltea

La partenza alla confluenza nel Po a Crescentino. Il viaggio quasi 200 chilometri fino alla sorgente glaciale ai piedi del Monte Bianco. Le soste a Villareggia, Ivrea, Donnaz, Ussel, Aosta, Morgex e l’ultima in Val Veny. Protagonista la Dora Baltea, l’unico fiume italiano dal regime nivo-glaciale. […]

Il Po a piedi - da Pian del Re alla vetta del Monviso

Il mio cammino lungo il Po non si è concluso a Pian del Re, ma ha avuto come epilogo la salita alla vetta del Monviso. Alta 3.841 metri, questa meravigliosa piramide è visibile da gran parte della pianura padana occidentale e a sud del Gran Paradiso e fino al mare non ha confronti. […]

Il Po a piedi, dal delta alle sue sorgenti (3)

Per bere le acque pure delle sorgenti occorre lasciare la pianura e percorrere la breve e selvaggia valle Po. Il torrente che s’intravede nelle gole non lascia certo presagire il pigro scorrere che caratterizza buona parte del cammino del grande fiume. […]

Il Po a piedi, dal delta alle sue sorgenti (2)

Nel medio corso del Po c’è un luogo che ho conosciuto nel lontano 1982, durante la mia risalita del fiume, e che vi invito a scoprire, magari aspettando i primi giorni più freschi di settembre. […]

Il Po a piedi, dal delta alle sue sorgenti

Per me il fiume ha sempre rappresentato un mondo pieno di fascino. Figuriamoci l’interesse che potevo avere per il Po, il fiume più lungo col nome più corto! […]

Viaggio nella valle del biologico, di R. Carnovalini

Ho passato le estati della mia infanzia sulle rive del Vara […]

A piedi sul Magra, di R. Carnovalini

Scattare diapositive per far riflettere sui guasti provocati dalle escavazioni e […]

Un anno di fiumi, di R. Carnovalini

Dopo l’Appennino a piedi da un capo all’altro, il 1982 è stato l’anno dei fiumi. […]

Il ritorno a casa, di R. Carnovalini

Tornare a casa da un lungo viaggio a piedi mi procura ogni volta delle sensazioni […]

L'Appennino non è una passeggiata, di R. Carnovalini

Andare da un capo all’altro dello spartiacque italiano […]

A piedi lungo l'Appennino, di R. Carnovalini

Quell’Appennino che guardavamo con sempre più attenzione […]

Il Rifugio Carrara II, di R. Carnovalini

La faggeta era il mondo vegetale intorno al rifugio. Argentea, col tappeto di foglie […]

Il Rifugio Carrara, di R. Carnovalini

Avevo deciso che le Apuane part time non ci bastavano più. Gli studi e i diplomi potevano bastare […]

Alba sulla Pania della Croce, di R. Carnovalini

5. Le Apuane sono state il terreno di molte mie avventure. Sono montagne che non ti aspetti […]

Alpi Apuane, di R. Carnovalini

4. Con treno+autobus arrivammo a Carrara. L’idea era quella di salire al Monte Sagro, […]

Il Lago Verde, di R. Carnovalini

3. Arrivò il momento di mettere in cantiere il primo campeggio. […]

Da Portovenere a Moneglia, di R. Carnovalini

2. Era la metà degli anni Settanta e il termine trekking non era ancora arrivato in Italia. […]

40 milioni di passi, di R. Carnovalini

1. “Quanti chilometri hai fatto in trent’anni di cammino?”

Questa domanda accompagna la mia vita e […]

Mappa

Visualizza la mappa ingrandita