50mila i visitatori giunti alla Fiera di Bergamo Turismo Agri e Slow

Quest'anno Movimento Lento ha partecipato alla prima edizione della Fiera Agri Travel & Slow Travel Expo, fiera che ha debuttato quest'anno riscuotendo molto successo e accogliendo circa 50mila visitatori.
La presenza di Movimento Lento a questo evento ha permesso di presentare le molte novità in serbo per il 2015.
Agri Travel & Slow Travel Expo è il Salone al debutto nel cartellone di Promoberg per promuovere il turismo rurale e slow che si è affiancato ad Alta Quota, la kermesse dedicata alla filiera della montagna che “apre” tradizionalmente a Bergamo da 11 anni la stagione invernale.

Durante il week end “lungo” iniziato nel pomeriggio di venerdì 10 ottobre 2014, i 18mila metri quadrati dedicati alle due manifestazioni hanno visto la partecipazione di ben 50.000 persone. Grande affluenza di pubblico ovviamente nel fine settimana, e consueto successo per le novità degli espositori e l’area esterna di Alta Quota dedicata a numerose discipline sportive outdoor a disposizione del pubblico gratuitamente. Tra i tanti esperti, anche moltissimi giovani e famiglie, che hanno potuto provare in tutta sicurezza alcuni degli sport più piacevoli e nello stesso tempo adrenalinici del settore.

Gli espositori di Agri Travel hanno invece illustrato le molte realtà presenti sul territorio nazionale e straniero rivolte alla nuova tipologia di viaggiatore del terzo millennio.

Ad affiancare Promoberg nell’importante impegno organizzativo, che ha consentito tra l’altro l’ingresso gratuito a entrambe le manifestazioni, si sono schierate Regione Lombardia, Camera di Commercio di Bergamo, UBI Banca Popolare di Bergamo, e Credito Bergamasco Gruppo Banco Popolare.

Siamo molto soddisfatti per questa “prima”sottolinea Stefano Cristini, direttore di Ente Fiera Promoberg -, che ha abbinato a una nostra manifestazione di punta qual è Alta Quota, un nuovo progetto dedicato ad un settore in forte ascesa qual è quello del turismo rurale e slow. Due manifestazioni che hanno dimostrato di essere ben “collegate” tra loro. Ciò ha consentito al pubblico di effettuare un tour tra le tante proposte dei vari settori. Vi è poi il significativo contributo degli eventi collaterali, sempre più numerosi e importanti – prosegue Cristini -, che hanno riguardato ben otto attività sportive outdoor (tutte gratuite), gli incontri con i protagonisti della montagna, e importanti convegni anche a carattere internazionale promossi dall’Università degli Studi di Bergamo”.

Tra le presenze istituzionali di maggior spicco, gli interventi non formali del ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina; dell’assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia, Gianni Fava; del Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, Stefano Paleari, e di numerosi esperti e docenti di università italiane e internazionali.