Tappa 1: Torino - Casale Monferrato - Frascarolo

Oggi è giornata di viaggio di avvicinamento in furgone (ci riconoscete poiché sulla fiancata campeggiano tre dinosauri) ma anche di rodaggio essendo la prima tappa.

Il tempo per ora ci assiste insieme all’ospitalità del presidente e direttore del parco del Po (tratto vercellese - alessandrino).Kayakista degli Amici del Fiume, ormai un po’ di primavere fa, ci conduce al Museo del territorio di Frassineto Po facendoci così iniziare a percepire il mondo vivo che è l’ecosistema di un fiume. Non si pensi solo all’avifauna tipica ma anche ad un sistema di terra ed acqua in continua evoluzione.

Le fotografie dell’alveo, scattate a distanza di decenni ci parlano di un fiume alla continua ricerca di un suo equilibrio interiore, facendo registrare modifiche della posizione della sua sede anche significative. Il Po si interra piano piano. E’ nella sua natura di fiume il farlo.Il Po è anche limo ed ecco che le ritirate dalle alluvioni divenivano terra di conquista di paesi, frazioni, famiglie limitrofe. Almeno sino alla prossima piena. Apprendiamo di antichi insediamenti scoperti per caso anche se solo a 50cm di profondità. Incredibile la storia di Coniolo, “il paese che visse due volte”.

La distruzione del paese avvenne stavolta non per opera del fiume,bensì dell’uomo. Il crollo al rallentatore di decine di case per colpa di personaggi senza scrupoli, gli estrattori di marne pregiate per uso cemento, è da ascriversi ad una legge che pone il profitto di fronte a tutto, E qui si vede il fare dissennato, il costruire gallerie sempre più profonde per trovare la marna migliore. Sembra di intravedere il carro impazzito e senza più freni di Fetonte. Tornando al fiume e parlando di carri impazziti abbiamo superato il ponte prima di Valenza (ss494) indenni e contenti.

‘Da qui in poi’, ci dice un pescatore dal fare rassicurante,’il Po è più tranquillo’, salvo recrudescenze meteo dei prossimi giorni.

 

Il Giurassic Bark Team!