Char Dam Yatra - Alla ricerca degli antichi sentieri del Garhwal

Un trekking estremo o un pellegrinaggio d’altri tempi? Il Char Dam Yatra, il pellegrinaggio alle fonti del Gange, era un tempo un viaggio himalayano di 600 chilometri che durava mesi, con lunghi tratti oltre i 4000 metri. Veniva affrontato, con ben pochi mezzi, da migliaia di Indu che cercavano così la liberazione dal ciclo delle reincarnazioni. Un sentiero costellato di templi, ostelli e ashram - luoghi di meditazione e romitaggio - collegava i quattro santuari delle sorgenti di Jamunotri, Gangotri, Kedarnath e Badrinat mantenendosi in quota. Si insinuava nelle gole più selvagge, valicava passi fino a 5000 metri, superava ghiacciai, toccava regioni sperdute al cospetto di alcuni dei più spettacolari giganti himalayani.

Oggi la costruzione di strade che raggiungono i quattro templi principali ha quasi cancellato quest’avventura alpinistica: i pellegrini arrivano con veicoli motorizzati. Di quella ardua via dello spirito ora restano solo esili tracce percorse da avventurosi esploratori e mistici asceti. Ripercorrerlo integralmente in due mesi di cammino, da solo ed in totale autonomia, è un sogno e una speranza. Certamente sarà un’avventura ed una dura prova per il fisico ed i materiali utilizzati. La partenza sarà dalla città santa di Haridwar a fine marzo, per tornarvi alla fine di maggio.