Movimento Lento Network

Identikit del cicloturista: la nuova indagine di FIAB

Identikit del cicloturista: la nuova indagine di FIAB

I cicloturisti italiani usano sempre più spesso la e-bike, scelgono le destinazioni in funzione del patrimonio paesaggistico e naturale, e raggiungono in treno il punto di partenza. Queste le principali novità emerse dall’indagine di FIAB presentata al TTG di Rimini

«Che cicloturista sei? Luoghi, trasporti, sicurezza, abitudini, tendenze, bisogni e aspettative di chi viaggia in bicicletta» è il titolo dell’analisi condotta, tra giugno e settembre 2023, da FIAB insieme all’Università degli Studi dell’Insubria, Active Italy e CIAB (Club Imprese Amiche della Bicicletta), su un campione di 2500 cicloturisti che hanno risposto online a una serie di domande. I risultati sono stati presentati il 12 ottobre in anteprima a TTG Travel Experience alla Fiera di Rimini.

Le conferme dell’indagine

L’indagine ha confermato gran parte delle caratteristiche dei cicloturisti italiani: età media relativamente alta (53 anni), buon livello di istruzione (57% laureati), residenti prevalentemente nel nord (80%).

La maggior parte dei cicloturisti viaggia in Italia, prevalentemente al nord (Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia le destinazioni più gettonate), passando almeno una notte fuori casa (70%), in tutte le stagioni dell’anno (il 19% anche durante l’inverno). I cicloturisti abituali percorrono almeno 60 km al giorno.  

La maggior parte degli intervistati organizzano da soli la vacanza (92%), solo l’8% si rivolge a un tour operator. Gli alloggi preferiti sono i B&B (72%), seguiti dagli hotel (45%), purché siano dotati di un ricovero notturno sicuro per le bici (97%) e forniscano itinerari e mappe (64%).

Cosa è emerso di nuovo? 

I paesaggi e il patrimonio naturale sono al primo posto tra le motivazioni della scelta di una destinazione (98%), prima ancora della presenza di itinerari cicloturistici strutturati. Altro aspetto importantissimo è la raggiungibilità della destinazione con il servizio bici+treno o bici+bus (89%).

Oltre all’ovvia attenzione alla sicurezza stradale (media 4,5 su 5) e alla disponibilità di piste ciclabili su sede propria, viene data una grande importanza alla larghezza delle carreggiate delle strade aperte al traffico veicolare: le strade strette possono essere pericolose anche con poco traffico. 

Sempre più importante il ruolo della e-bike, usata dal 31% degli intervistati, ma che è spesso determinante nell’avvicinare un nuovo pubblico al cicloturismo: il 22% dei cicloturisti occasionali ha iniziato la pratica grazie alla disponibilità di biciclette a pedalata assistita, che consentono di coprire maggiori distanze e dislivelli e di alzare l’età media dei cicloturisti.

Durante il dibattito Monica Price, referente di Active Italy, l’organizzazione che rappresenta i tour operator del turismo attivo, ha dichiarato che nel caso dei viaggi organizzati ormai l’uso della e-bike supera il 50%, e ci sono addirittura dei tour operator che hanno deciso di rimpiazzare completamente il parco bici proponendo ai clienti solo e-bike.

Vuoi promuovere il tuo territorio attraverso lo slow tourism?

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

LEGGI ANCHE

Le Vie del Grano e del Legno
Progetti in Movimento Lento
Marta Miolo

Le Vie del Grano e del Legno

Il Cammino Minerario di Santa Barbara è un emozionante itinerario nel sud-ovest della Sardegna, che si sviluppa lungo un anello di circa 500 km, suddiviso

Leggi Tutto