Articoli più recenti

Bercianos del Real Camino

Bercianos del Real Camino

Ho lasciato a Bercianos una parte del mio cuore. Un giorno andrò a riprenderla. Quando? Questo non lo so. La vita tranquilla del villaggio, il vento tiepido e le nuvole,  le care vecchiette che aiuto a spostare le sedie nel sole, i giocatori di pétanque verso sera che mi invitano a partecipare perché ne manca uno, il tramonto

Leggi tutto

Un villaggio nello Spiti

Verso Ky e Thangud, per visitare gli antichi monasteri

Il mattino seguente, scendendo da Kibber visitiamo quel nido d’aquila che è il monastero di Ky gompa, dove con un anno d’anticipo, fervevano già i lavori di ristrutturazione in preparazione della grande festa del Kalachakra ( festa dell’iniziazione al buddismo)

Leggi tutto

Incontri sul cammino

Incontri sul cammino - Annalena

Durante il Cammino di Assisi che ho percorso quest’estate la quarta tappa, dopo Dovadola, San Valentino e Premilcuore, è Corniolo, in Romagna, un piccolo paese che ha il nome di un albero. L’ostello è un incanto. Ricavato da una stalla per muli, in pietra, su due piani. Vanni, il responsabile, ci racconta che è stato restaurato da volontari.

Leggi tutto

il viaggio fino a destino

Il viaggio fino a destino

Gli impegni della vita ci offrono occasioni per fare un viaggio lento anche laddove non pare proprio possibile. Venerdì 12 novembre vado in provincia di Siena per un evento all’Abbazia di Spineto legato al mio mondo dei viaggi a piedi. Decido di andarci in treno, senza servirmi dei treni veloci e costosi. Viaggio rigorosamente sui regionali

Leggi tutto

Un villaggio nello Spiti

Un reincarnato in blue jeans...e poi verso Ky e Thangud!

Fin dal mattino, nelle strette viuzze di Kibber si avvertono i preparativi dell’evento straordinario, la festa è nell’aria: un corri, corri di bambini e di donne intente a rendersi belle e agghindate all’uopo. Saliamo ripidamente fino al monastero (gompa) in ristrutturazione, situato su di un poggio che sovrasta l’intero abitato

Leggi tutto

Banner Gemito 7

Il cinema western e il valore del paesaggio

Amo il cinema di molti generi e autori, ma quello che considero il genere ‘ponte’ tra l’ idea del passato e del futuro, che mi ha insegnato a sentire il valore del paesaggio e delle storie umane, è il cinema western

Leggi tutto

La valle del Rio Bovina a Paroldo

Il Rio Bovina seguendo le capre

Dai grandi fiumi a un piccolo rio sotto casa con un salto temporale di vent’anni. Non sempre i cammini sono cercati e voluti. Può capitare di vivere in campagna e di scegliere di allevare uno degli animali più discoli che ci siano. E può capitare che un piccolo branco di capre camosciate decida di non stare alle regole

Leggi tutto

Pellegrini si diventa (III)

….e fu così che il 31 luglio entrai a Roma con i compagni pellegrini dalla Via Trionfale, che di trionfale non ha più nulla. Era quasi l’una ed eravamo affamati. La strada da Campagnano Romano alla capitale aveva attraversato boschi e campi dorati ma la periferia assolata era stata un’esperienza frustrante. Ma la meta era talmente vicina…

Leggi tutto

Giro l'angolo, investito dal Sole

Dal cavalcavia Don Milani posso guardare la lunga pennellata verde del Naviglio che scorre  oppure la fila di vecchie ciminiere e insegne pubbliciarie che costellano i tetti.

Leggi tutto

L'Arno di Fucecchio

L'Arno a piedi

Un Natale così non si dimentica più. Dopo 10 giorni di cammino da Marina di Pisa la salita finale da Stia alla sorgente di Capo d’Arno, a 1.358 metri, è una salita bianca di neve e colma di silenzio.

Leggi tutto

"Sdrucciola sulla neve il passo affrettato..."

Inno al fiocco di neve perduto

La neve di questi ultimi giorni svela ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, tutta la nostra insipienza mentale. Sdrucciola sulla neve lucida il passo affrettato dell’ umanità moderna.
“Ohibò, chi mi rallenta? Un mendicante, forse? Ah, nooo..è la neve..

Leggi tutto

Un villaggio nello Spiti

A piedi nel deserto di montagna

Il viaggio a piedi non inizia nel migliore dei modi. Per prendere una scorciatoia, Puren ci fa salire lungo un ripido sentiero che…aimeh! Nel versante opposto risulta franato. La discesa avviene con difficoltà a causa del terreno franoso ed io, dopo aver aiutato alcuni amici, discuto un po’ con la guida locale sull’opportunità di questa deviazione

Leggi tutto

Il Monte Peralba e il Piave neonato

Il Piave a piedi

Dieci giorni di cammino, 225 chilometri interamente in territorio Veneto, dalle rive dell’Adriatico ai 2.000 metri delle pendici del Monte Peralba.  Ancora passato remoto: il 1982, l’anno che dedicai ai fiumi italiani. “Fiume Sacro alla Patria” per i combattimenti

Leggi tutto

Calystegia soldanella

Baccelli sulla carreggiata

Il maggio scorso, tra Sarzana e il mare, seguivo con millimetrica precisione la banchina della provinciale. Troppe auto a sinistra, troppe canne palustri sporgenti a destra. La bici con le borse, bersaglio facile per gli scalmanati in corsa per un posto sul bagnasciuga

Leggi tutto

Con le racchette da neve al Passo Futa

Inverno nel mondo delle capanne celtiche (2)

Un'alba inusuale - Incuriosito mi alzo in piedi. Uno sbadiglio, una stiratina e mentre mi preparo un po’ di thè caldo con l’aiuto di un fornellino a gas, assisto ad uno spettacolo eccezionale quanto ricorrente: il sorgere del sole.

Leggi tutto

St. Jean Pied de Port

Pellegrini si diventa

Molti anni fa ho sentito un direttore d’orchestra e compositore francese, Pierre Boulez, raccontare come la musica prendesse forma nella sua mente durante i suoi pellegrinaggi da Parigi a Lourdes. Con lo zaino in spalla ed il bordone si incamminava

Leggi tutto

Capanna celtica nell'Appennino modenese

Inverno nel mondo delle capanne celtiche dell'Appennino

Salita notturna in solitaria - La sera è una di quelle che non si dimenticano facilmente. L’anno è il 2009, il mese è quello di Aprile, siamo sotto Pasqua ed io, dopo aver lasciato l’auto nel piazzale del bel rifugio delle capanne celtiche, mi accingo a camminare da solo, “io e la giubba” (io e la mia giacca), come dicevano i vecchi toscani quando volevano sottolineare di essere proprio soli

Leggi tutto

Un villaggio nello Spiti

Ancora una volta…attraverso l’Himalaya

L’aria fina dei 4000 metri si fa sentire subito. Siamo al Passo di Rothang, spartiacque fra il mondo Indù e quello tibetano. Due culture affini, in parte sgocciolanti l’una nell’altra, si dividono: da una parte Shiva, dall’altra Buddha. Anche la natura, come le religioni, appare diversa nei due versanti…quasi appartenesse a due religioni diverse!. Lungo i tornanti sconquassati dalle enormi buche ed attraversati da un numero infinito di ruscelli e torrenti vari, il paesaggio è cambiato totalmente

Leggi tutto

Rosmarinus officinalis

Camminare con Ilaria

È un viso senza voce, un corpo giovane e delicato, un’esistenza fragile e spezzata di cui poco sappiamo. Jacopo della Quercia le ritrae bella sul suo letto di morte, fredda e marmorea, con un piccolo cane ai suoi piedi, a ricordare la sua fedeltà di giovane moglie e madre. Ilaria del Carretto non ha lasciato altra memoria

Leggi tutto

Un villaggio nello Spiti

Nel paese del “Grande Traduttore”

In Italia della regione di Spiti non se ne sapeva un bel niente ma…dopo varie ed affannose ricerche iniziai ad entrare in possesso di alcune preziose informazioni sulla zona: La Valle dello Spiti (dal tibetano sPiti: “paese di mezzo”), chiusa al turismo dal 1953 a causa della guerra e delle tensioni indo-cinesi dell’epoca, è stata riaperta al turismo

Leggi tutto