Movimento Lento Network

2022: un’ottima annata per il cicloturismo

2022: un’ottima annata per il cicloturismo

Il Cicloturismo è in piena ripresa: il 2022 conferma la crescita di un settore che ha beneficiato dei cambiamenti nelle abitudini dei viaggiatori a seguito della pandemia. Legambiente e Isnart stimano in 3,9 miliardi di Euro l’impatto economico generato dai turisti in bicicletta nel 2022, un dato che si inserisce nella crescita dell’industria della bicicletta a livello mondiale. 

C’è un settore manifatturiero in Italia (e in Europa) che sta dimostrando un eccezionale dinamismo: è l’industria della bicicletta – inossidabile invenzione di fine Ottocento. Sono circa 3 milioni i pezzi usciti dalle officine nazionali nel 2021, destinati principalmente al mercato europeo, con un incremento del 7%. Le previsioni sono per una crescita del settore nel biennio 2022-2023, pari al 7,3%, con una prospettiva di fatturato superiore a 1,8 miliardi di euro. La bike economy, insomma, muove numeri interessanti, e lo fa con un occhio di riguardo alla sostenibilità sociale e ambientale.

Un recente studio di Banca Ifis (giugno 2022), definisce il settore come un vero e proprio “ecosistema” nel quale interagiscono più stakeholder – produttori, imprenditori del turismo ed enti pubblici sui territori a vocazione cicloturistica. Lo studio rivela che l’Italia detiene il 21% della quota di produzione di biciclette in Europa, ed è il principale polo industriale del continente davanti a Germania e Portogallo. Al successo del comparto concorrono vari fattori, tra cui l’effetto trainante della e-bike, mezzo inclusivo che ha avvicinato al cicloturismo un pubblico nuovo.

Gioca un ruolo decisivo anche il volano di un’offerta cicloturistica dedicata, di qualità, in grado di attrarre il viaggiatore straniero e di valorizzare i territori marginali. Nel terzo Rapporto Nazionale sul Cicloturismo in Italia, presentato da Isnart e Legambiente lo scorso 25 ottobre al Bike Summit 2022 di Vasto, apprendiamo che sono 31 milioni le presenze nel 2022 per il settore del viaggio cicloturistico, pari al 4% del totale dei visitatori nel nostro paese. In termini di spesa complessiva legata al viaggio in bici, sono circa 3,9 i miliardi di euro stimati nel 2022.

L’indagine traccia un profilo del viaggiatore in bici: in prevalenza maschio, con un’età compresa tra 57 e 26 (71%), ma con uno zoccolo duro di baby boomers pari al 16%. Si tratta di un pubblico con una buona situazione economica, soprattutto se straniero: la spesa media giornaliera è pari a 215 €, mentre il cicloturista italiano ha un budget di 95 €. Oltre all’alloggio e al vitto, tanti sono i servizi richiesti: noleggio bici, trasporto bagagli, assistenza tecnica e assicurazione, servizio di guida, esperienze enogastronomiche e visite culturali. Basta dare un’occhiata ai pacchetti proposti dai più qualificati tour operator internazionali specializzati nei viaggi in bicicletta (Ciclismo Classico, USA,  Macs Adventure, UK, Butterfield & Robinson, Canada): il costo giornaliero va da circa 200 a oltre 1000 € al giorno.

Avanti tutta per la bike economy

Il nostro paese, insomma, ha una potenzialità ancora inespressa: conta circa 4900 percorsi censiti dedicati alla bici, per un totale di 90 000 km tra piste ciclopedonali, ciclostrade e itinerari ciclabili, 4500 strutture ricettive dedicate, circa 1000 esercizi che offrono assistenza tecnica e noleggio. Il PNRR mette a disposizione risorse destinate al completamento, entro il 2026, di dieci ciclovie turistiche, cuore del Sistema Nazionale. Occorre nel frattempo agire sui territori, individuando quelle reti virtuose e sostenibili (ancora una volta, veri e propri “ecosistemi”), dove sono i percorsi ciclabili a mettere in relazione alberghi, aziende agricole di eccellenza, borghi, beni culturali, aree protette, e – non ultime – le persone.

Hai bisogno di progettare e tracciare nuovi itinerari, e costruire un’offerta cicloturistica adeguata al pubblico internazionale nella tua destinazione? 

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

LEGGI ANCHE

Smart Walking
Progetti in Movimento Lento
Davide Fiz

Smart Walking

È nata una nuova collaborazione del Movimento Lento con Davide Fiz ideatore del progetto Smart Walking. La prima edizione è iniziata a marzo 2022 ed

Leggi Tutto
× Come posso aiutarti?